Barça, Todibo già a gennaio Denis Suarez all’Arsenal

31 gennaio 2019 – Milano

‘); }

Ultime frenetiche ore di calciomercato anche in campo internazionale. Il colpo della giornata è quello dell’Arsenal, che ha acquistato in prestito dal Barcellona Denis Suarez, pochi minuti dopo il rinnovo del giocatore con il club blaugrana fino al 2021. Si ritrovano, dunque, il 25enne e Unai Emery: i due erano insieme nel Siviglia nella stagione 2014-2015. Esce dall’Arsenal invece il centrocampista Emile Smith Rowe: destinazione Lipsia in prestito fino a giugno. Affare tutto tedesco: il Wolfsburg ha ceduto Jeffrey Bruma, difensore olandese, in prestito allo Schalke 04 fino al termine della stagione.

COLPO BARCA – Il Barcellona ufficializza l’acquisto di Jean-Clair Todibo dal Tolosa. Inizialmente, il francese doveva arriva la prossima ma all’ultimo i blaugrana hanno deciso di anticiparne l’arrivo già in questa finestra di mercato. Il difensore 19enne era stato seguito anche dal Napoli.


ALTRE OPERAZIONI – Shinji Kagawa vola in Turchia: il giapponese del Borussia Dortmund si trasferisce al Besiktas in prestito fino a fine stagione. Doppio colpo in entrata del Newcastle. Iniziano l’avventura in bianconero Miguel Almiron, centrocampista paraguaiano classe ‘94 arrivato dall’Atlanta United, e Antonio Barreca, il difensore ex Torino che si trasferisce in Inghilterra dal Monaco in prestito fino a fine stagione. Altro colpo in uscita per il club del Principato: ceduto in prestito Adama Traoré, centrocampista, al Brugge. Scambio di prestiti tra il Monaco e il Leicester: Youri Tielemans in Inghilterra e Adrien Silva in Francia. Marsiglia: Konstantinos Mitroglu va in prestito al Galatasaray per 18 mesi.

Importante investimento del Wolverhampton per Jonny Castro Otto: il 24enne era in prestito dall’Atletico Madrid ed è stato riscattato per una cifra vicina ai 20 milioni di euro. Il Tottenham ha ceduto Georges-Kévin N’Koudou, centrocampista francese classe ‘95, in prestito al Monaco fino a fine stagione. Cambia casacca Peter Crouch: la punta inglese classe ‘81 si trasferisce dallo Stoke City al Burnley in prestito fino a fine stagione. Percorso invece per Sam Vokes, che dai Clarets passa ai Potters. Il Fulham ha ceduto l’attaccante Aboubakar Kamara al club turco Yeni Malatyaspor: arriva in prestito fino a fine stagione.

Facundo Roncaglia è un nuovo giocatore del Valencia. L’ex difensore della Fiorentina si è trasferito in prestito dal Celta Vigo fino al termine della stagione. Saluta la Spagna Leo Baptistao. L’attaccante brasiliano è stato ceduto dall’Espanyol alla Cina: giocherà per il Wuhan Zall, che ha pagato il cartellino 6 milioni di euro. Colpi in prospettiva per Barcellona e Atletico Madrid. I catalani hanno acquistato Emerson, difensore classe ‘99 ceduto dall’Atletico Mineiro per 12 milioni di euro: ora andrà in prestito al Betis, arriverà in blaugrana da luglio. I Colchoneros, invece, hanno pescato in Argentina: acquistato Nehuen Perez, difensore centrale capitano dell’Argentina Under 20. Il giocatore si unirà all’Atletico dopo la Copa America Under 20. L’Atletich Bilbao ha acquistato dal Copenaghen Kenan Kodro, attaccante bosniaco classe ‘93: nel nuovo contratto è presente una clausola rescissoria da 80 milioni di euro. Nuova squadra per Sulley Muntari: il ghanese è un nuovo giocatore dell’Albacete. Salta il trasferimento di Luciano Acosta dal DC United al Psg; l’argentino era l’indiziato a sostituire l’infortunato Neymar, ma pare che Tuchel abbia preteso il reintegro di Rabiot in rosa anziché acquista un nuovo calciatore. Rinforzo anche per Ranieri in Premier League: il Fulham prende in prestito fino a fine stagione il centrocampista difensivo Havard Nordtveit dall’Hoffenheim.

 Gasport 

© riproduzione riservata

Zaccardo, altro che ritiro! Riparte da San Marino

Cristian Zaccardo è ufficialmente un nuovo giocatore del Tre Fiori.

‘); }

La società calcistica, che milita nella seconda divisione sammarinese, ha acquistato il difensore ex Palermo, che era rimasto svincolato al termine dell’esperienza con i maltesi dello Hamrun Spartans e che, tra le altre cose, ha superato a dicembre l’esame finale da direttore sportivo.

Zaccardo è esploso calcisticamente nel Palermo, ma ha vestito le maglie di importanti club come Milan, Bologna, Parma, Worlfsburg, Carpi e Vicenza, totalizzando 381 presenze in serie A e segnando 22 gol. Nel 2006 ha vinto la Coppa del Mondo con l’Italia di Marcello Lippi in Germania,

Juve, c’è subito Caceres Esordio sabato col Parma

31 gennaio 2019 – Milano

‘); }

Martin Caceres è arrivato alla Juventus in ottime condizioni fisiche. Il difensore uruguaiano esordirà sabato sera allo Stadium contro il Parma. Vista l’indisponibilità di Chiellini (domani gli esami, previsto uno stop di una quindicina di giorni), Bonucci e Barzagli, il difensore uruguaiano potrebbe giocare dal 1’ in coppia con Daniele Rugani.

QUALCHE CAMBIO — Per il resto in porta ci sarà Perin, sulle fasce possibile chance per Spinazzola, mentre a centrocampo probabile una maglia da titolare per Pjanic. Da valutare l’utilizzo di Mario Mandzukic in attacco: il croato tornerà a disposizione dopo l’infortunio, da valutare il minutaggio che gli concederà Allegri.


 Gasport 

© riproduzione riservata

Tutti i colpi dell’ultimo giorno Thereau, botto Cagliari

31 gennaio 2019 – Milano

Romulo, Thereau, Schiappacasse

Romulo, Thereau, Schiappacasse

‘); }

Si sono chiuse le porte del calciomercato invernale in Serie A. Nell’ultimo giorno di trattative, il grande botto non è arrivato ma tante squadre sono riuscite a puntellare le rose nei ruoli più bisognosi. Il colpo della giornata lo mette a segno la Lazio che preleva Romulo dal Genoa, in prestito con diritto di riscatto a due millioni; l’ex Juve si andrà così a giocare il posto sulla fascia destra con Marusic. I biancocelesti prendono anche Tiago Casasola dalla Salernitana che resto però in Campania. Il Milan cede in prestito secco per 18 mesi Halilovic allo Standard Liegi.

rivoluzione cagliari — Tra i club più attivi nelle ultime ore di mercato, c’è stato il Cagliari. I sardi si rinforzano con Luca Pellegrini dalla Roma, Fabrizio Cacciatore dal Chievo, a cui cedono il difensore Andreolli, e Thereau dalla Fiorentina.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

parma sguardo al futuro — Il Parma si assicura le prestazioni di uno dei giovani attaccanti più in luce in Sudamerica: il classe 1999 Nicolas Schiappacasse, bomber delle selezioni giovanili dell’Uruguay in arrivo dall’Atletico Madrid. I gialloblù acquistano anche Machin dal Pescara e riscattano Sprocati dalla Lazio.

le altre operazioni — La Spal prende dalla Sampdoria il difensore Vasco Regini e cede all’Udinese il classe 2000 Katuma e il centrocampista, classe ‘95, Jankovic dal Partizan Belgrado. Colpo in attacco dei blucerchiati che sostituiscono Kownacki (Fortuna Dusseldorf) con Marco Sau dal Cagliari. Attivissimo anche l’Empoli. I toscani hanno ceduto a sorpresa Miha Zajc al Fenerbahce, ma si sono rinforzati con gli arrivi di Farias e Pajac dal Cagliari, Dell’Orco dal Sassuolo, Diks dalla Fiorentina (che cede Eysseric al Nantes): ai viola, gli azzurri cedono il difensore Rasmussen che lascerà però l’Empoli a fine stagione. Il Chievo si rinforza anche con il giovane portiere brasiliano Brazao. Doppia cessione ufficiale per i gialloblù: Obi passa all’Alanyaspor e Radovanovic al Genoa, i liguri danno il giovane Nuno Nunes ai veronesi. Ufficializzati diversi prestiti per il Torino: Edera e Lyanco al Bologna, Milinkovic-Savic all’Ascoli. Anche un colpo last-minute del Torino: il direttore del settore giovanile Massimo Bava è riuscito a battere una nutrita concorrenza per l’esterno basso Ghazoini, nato nel 2001, e prelevato dal Frosinone con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto. Si tratta di un giocatore di grande prospettiva, capitano dell’Under 20 del Marocco, e dotato di una grande fisicità (è alto un metro e ottantotto). In ottica giovani, i granata acquistano il difensore centrale classe 2000 Singo dal Denguélé. L’Udinese chiude per Sandro del Genoa.

 Gasport 

© riproduzione riservata

Restaurata la tomba di Tutankhamon

 E’ stata sottoposta a un restauro la tomba di Tutankhamon, il giovanissimo faraone icona dell’Egittologia, al fine di ridurre al minimo possibile i danni prodotti dall’afflusso di turisti.
    Il risultato dei lavori egitto-americani, condotti dal Getty Conservation Institute, sono stati presentati ufficialmente oggi sottolineando che si é puntato a ridurre l’impatto di graffi, polvere e muffe favorite dall’umidità creata dai turisti. Tutankhamon (14/o secolo a.C.), diventato faraone quando era ancora un bambino, morì a 18 anni. La sua tomba fu ritrovata intatta nel 1922 dall’archeologo inglese Howard Carter a Luxor, sulla sponda sinistra del Nilo, e la sua mummia portava sul capo l’oggetto più famoso della iconografia egiziana: la maschera d’oro massiccio e paste vitree. La tomba di Tutankhamon era collocata nella Valle dei Re, la necropoli dei faraoni, e il corredo funebre, ben conservato, consisteva di più di 5.000 pezzi: oltre alla maschera mortuaria, spiccavano anche tre sarcofagi

Diciotti, Conte: ‘Parlare di immunità di Salvini è un falso’

 “Parlare di immunità è uno strafalcione giuridico, definire questo voto un salva-Salvini è un falso che rischia di favorire il dibattito pubblico. Bisogna avere chiaro il quesito giuridico a cui saranno chiamati a rispondere i senatori: se abbia agito per il perseguimento di un interesse dello Stato costituzionalmente rilevante o di un interesse pubblico inerente alla funzione di governo o se abbia agito al di fuori del suo ruolo ministeriale per i suoi propri interessi personali”. Lo afferma ai cronisti il premier Giuseppe Conte sul caso Diciotti. 

“Ognuno voti secondo coscienza: mi sorprende che con le tante cose che ci sono da fare in Sicilia si lavora su un atto politico che rifarei”, afferma il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini a “Porta a Porta”. “Chi ha letto le carte sa cosa è successo, che è stato un atto politico. Lascio ai M5s la loro scelta, ma penso che voteranno di conseguenza, avranno le idee chiare”. 

“Avevo avvertito della lettera al “Corriere della Sera” la Presidenza del Consiglio e il vicepremier Di Maio”, prosegue Salvini che dice: “Io ero tranquillo. Ma tutti gli amici mi hanno detto che il processo sarebbe stata un’invasione di campo senza precedenti. Il Senato dovrà dire se l’ho fatto per interesse pubblico o mio capriccio personale”. “E’ stato un atto politico che rifarei: ho agito da ministro, mica da milanista…”.

Onu, Usa e Cina sono leader nell’AI

Stati Uniti e Cina sono i leader mondiali nel crescente settore tecnologico dell’intelligenza artificiale (AI). A dirlo è un rapporto pubblicato oggi dall’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (Wipo), che fa capo alle Nazioni Unite. L’indagine ha preso in esame 340mila brevetti collegati all’AI e 1,6 milioni di studi scientifici pubblicati per la maggior parte dal 2013 in poi, ma anche risalenti a quando si iniziò a parlare di intelligenza artificiale, negli anni Cinquanta.

    In base ai dati, l’americana Ibm ha il portafoglio di brevetti più ampio (8.290) seguita dalla connazionale Microsoft (5.930). Le successive tre posizioni sono invece asiatiche: le giapponesi Toshiba (5.223) e Nec (4.406), e la coreana Samsung (5.102).
    Hanno invece nazionalità cinese tre delle quattro istituzioni accademiche presenti nella classifica delle prime trenta realtà mondiali per numero di brevetti. La migliore è l’Accademia delle Scienze, con oltre 2.500 brevetti. Sono inoltre cinesi 17 delle 20 migliori istituzioni accademiche globali per brevetti sull’AI, e 10 delle prime 20 pubblicazioni scientifiche.

    Tra i vari rami dell’intelligenza artificiale, il più gettonato è l’apprendimento automatico, e in particolare le reti neurali, presenti in oltre un terzo delle invenzioni. Tra le applicazioni, sempre secondo l’indagine Onu, trionfa la computer vision (è nel 49% dei brevetti), con il riconoscimento delle immagini che è fondamentale per lo sviluppo delle auto a guida autonoma.(ANSA).
   

Conte sotto la sede dell’Inter “Contatti? No comment…”

31 gennaio 2019 – Milano

‘); }

Antonio Conte sotto la sede dell’Inter. Una coincidenza? Forse sì, forse no. La casa della società nerazzurra è in pieno centro di Milano e si sa che l’ex tecnico di Juve e Chelsea è in Italia in questi giorni. Potrebbe essere un semplice viaggio di piacere. A destare qualche dubbio, però, è il virgolettato rilasciato dallo stesso Conte al giornalista di Bein Sports che lo ha intercettato in corso Vittorio Emanuele. “Contatti con l’Inter? No comment”. Non una smentita a chiare lettere, dunque. E sarebbe stato facile rispondere che stesse solo facendo shopping in centro a Milano… Gatta ci cova?


I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Gasport 

© riproduzione riservata

Lazio, Romulo è ufficiale Arriva in prestito dal Genoa

31 gennaio 2019 – Milano

Romulo passa dal Genoa alla Lazio. Lapresse

Romulo passa dal Genoa alla Lazio. Lapresse

‘); }

Colpo della Lazio a poche ore dalla chiusura della sessione invernale di calciomercato: Romulo si trasferisce in biancoceleste. Il centrocampista passa dal Genoa al club di Claudio Lotito con la formula del prestito con diritto di riscatto: lo ha annunciato lo stesso club biancoceleste.

IN PASSATO — In stagione, Romulo ha collezionato 17 presenze in Serie A e 2 in Coppa Italia: una rete in campionato, nel pareggio casalingo (2-2) contro l’Udinese. Il 31enne è arrivato in Italia nel luglio 2011: ad acquistarlo dal Cruzeiro fu la Fiorentina. In Italia Romulo ha vestito anche le casacche di Verona e Juventus.


 Gasport 

© riproduzione riservata

Coppa Italia: Inter Lazio LIVE

“Servirà una grande Lazio, ma soprattutto una buona dose di personalità. Per il momento dobbiamo lasciarci alle spalle il campionato e pensare alla Coppa Italia, un trofeo a cui teniamo molto. Servirà una grande prova di personalità a Milano”. Simone Inzaghi carica la sua Lazio per la sfida a San Siro contro l’Inter nel turno unico dei quarti di finale di Coppa Italia. Una vittoria e sarà semifinale: “Abbiamo visto che tutte le squadre tengono alla Coppa Italia – ha specificato il tecnico biancoceleste sul canale ufficiale del club -. Abbiamo visto una grande partita tra Milan e Napoli: Inter e Lazio, di conseguenza, avranno grande voglia di affrontare i rossoneri in semifinale”.

Una Lazio che arriva alla trasferta milanese reduce da due ko con Napoli e Juventus in campionato: “Con le squadre di vertice quest’anno stiamo faticando – ammette il tecnico – si tratta solo di un momento, in passato abbiamo fatto sempre ottime partite con le cosiddette big, portando a casa anche un trofeo importante. La squadra arriva all’impegno con l’Inter dopo una sconfitta immeritata con la Juventus”. In attesa di un regale dal mercato (si tratta Romulo del Genoa: “Forse qualcuno arriverà – rivela Inzaghi – la fascia destra è la zona di campo che necessita di più. Io quello che posso fare è incidere sui giocatori che ho a disposizione”), tornerà a disposizione Marusic dopo la squalifica: “Ci servirà una grande partita perché l’Inter è un’ottima squadra ben allenata da Spalletti – conclude Inzaghi alla Rai – I nerazzurri sanno giocare a tre, ma possono scendere in campo anche con la difesa a quattro: ci giocheremo al meglio la partita, abbiamo rispetto per l’inter ma proveremo a mettere in campo la nostra personalità”. Per il resto, confermato il 3-5-2 con Immobile e Caicedo in avanti, spazio anche a Milinkovic (squalificato con il Frosinone), oltre a Berisha e Durmisi a centrocampo.